Che cos'è MammalWeb?

MammalWeb è una piattaforma online dedicata a chiunque sia interessato ai mammiferi, presenti a livello locale e non solo. Se hai una fototrappola, puoi caricare e condividere le foto che hai scattato ai mammiferi intorno a te. Oppure puoi andare online per visualizzare le foto che altri utenti hanno caricato su MammalWeb e vedere quanti animali riconosci.

Autore: P. Palencia / SaBio-IREC

Perché dovrei usarlo?

MammalWeb può aiutarti a capire meglio come le diverse specie di mammiferi e i loro habitat sono distribuiti in Europa. Puoi caricare le tue foto sul web o contribuire all’identificazione degli animali senza spostarti da casa tua.

Aiutaci a migliorare la conservazione dei mammiferi che ami nei loro habitat naturali!

È una grande opportunità per conoscere qualcosa di più sulla natura, scambiare conoscenze con altri utenti e trascorrere del tempo di qualità nella natura.

Guarda meravigliose immagini di mammiferi selvatici nel loro ambiente naturale: potresti rimanere sorpreso dalle specie che sono presenti intorno a te.

Quali sono i vantaggi del suo utilizzo?

La nostra conoscenza, riguardo la maggior parte dei mammiferi, è piuttosto limitata. Sebbene esistano studi molto dettagliati sulla biologia di questi animali, le informazioni raccolte provengono da aree naturali, solitamente molto piccole. È importante ampliare questo punto di vista, in modo da poter ottenere informazioni a partire da un ambiente più ampio possibile.

Potremo verificare le informazioni che ci invierai con l’aiuto di esperti e altri membri della comunità scientifica. Queste informazioni convalidate, verranno inviate ad un archivio centralizzato a cura del Servizio di Informazione sulla Biodiversità Globale (GBIF) e dell’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA). In questo modo i ricercatori e i gestori della fauna selvatica di tutto il mondo potranno utilizzarli per rispondere alle domande di ricerca, presenti e future, sulla conservazione.

Perché i dati vengono registrati in GBIF?

GBIF — (Servizio di Informazione sulla Biodiversità Globale) — è una rete internazionale/fondazione di ricerca finanziata dai governi di tutto il mondo e finalizzata a fornire a chiunque e ovunque l’accesso aperto ai dati su tutti i tipi di vita presente sulla Terra.

Una parte importante della missione di GBIF è promuovere una cultura in cui le persone riconoscano i vantaggi della pubblicazione open-souce (ad accesso aperto) dei dati sulla biodiversità , per se stessi e per la più ampia comunità globale.

Rendendo le tue informazioni accessibili tramite GBIF e altre reti di informazione sulla biodiversità, contribuirai ad accrescere la conoscenza globale della biodiversità e ad elaborare soluzioni che ne promuoveranno la conservazione e l’uso sostenibile.

Rendendo disponibili pubblicamente le tue informazioni, i dati di tutto il mondo potranno essere combinati ed utilizzati dai ricercatori per lavorare insieme verso un obiettivo comune.

Perché i dati vengono condivisi con EFSA?

L’ Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) fornisce alla Commissione Europea e al pubblico in generale, consulenza scientifica indipendente sulla sicurezza alimentare e su eventuali rischi all’interno delle catene alimentari. L’EFSA utilizzerà le informazioni raccolte sull’abbondanza e la distribuzione dei mammiferi selvatici per valutare il rischio di malattie che colpiscono la fauna selvatica, il bestiame e l’uomo.

Questo è uno screenshot della pagina “Trapper” di MammalWeb, che mostra un esempio del posizionamento di una fototrappola all’interno del progetto ENETWILD Spagna.

Come si usa?

Gli utenti devono registrarsi e possono scegliere di diventare trapper e / o spotter. I trapper hanno la possibilità di registrare i loro siti fototrappolaggio, fornendo informazioni sul tipo di fototrappole utilizzate e sulla loro posizione indicando le coordinate del luogo. Una volta registrato il sito di fototrappolaggio, le immagini possono essere caricate e gli spotters possono iniziare a collaborare nell’identificazione degli animali nelle immagini. Per ogni sito, si dovrebbero caricare solo le immagini acquisite mediante il modello di fototrappola indicato e ottenute nel sito registrato. È possibile registrare più siti di fototrappolaggio diversi.

Ricordati di selezionare il progetto MammalNet per associare le tue fotografie al Paese in cui sono state scattate.

Gli spotter possono identificare qualsiasi immagine presente su MammalWeb, oppure possono scegliere di guardare le immagini di un progetto o di un paese specifico. Gli utenti possono vedere da quale paese provengono le immagini e viene fornito un elenco delle specie locali tra cui scegliere. Il sito Web è disponibile in diverse lingue per un utilizzo più semplice.

Ecco uno screenshot della pagina MammalWeb “Spotter”. L’immagine è quella di uno scoiattolo grigio seduto su una fototrappola, con la coda che le penzola davanti.

Ecco uno screenshot della pagina MammalWeb Spotter, che mostra uno scoiattolo grigio, che è stato identificato nell’immagine (vedi in basso a sinistra).

Gli spotters visualizzeranno quindi una serie di immagini, al fine di identificare tutti gli animali tra quelli selezionabili. Gli spotters possono riportare quanti animali sono presenti ed eventualmente identificare più di una specie all’interno della stessa serie di fotografica.

Le immagini rimargono di proprietà della persona che le carica, ma i dati elaborati dalle immagini saranno resi apertamente disponibili tramite GBIF con licenza Creative Commons (Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)). Gli utenti potranno eventualmente visualizzare le immagini provenienti da aree diverse, utilizzando uno strumento di rilevamento, che è attualmente in fase di beta test. Le posizioni specifiche delle fototrappole non vengono rese pubbliche, ma le immagini sono raggruppate in modo che gli utenti possano accedere al database, ad esempio, per esaminare la diversità delle specie o i pattern di attività in una determinata area. Istruzioni più dettagliate per l’utilizzo di MammalWeb sono disponibili sul sito web.

Sul sito sono disponibili istruzioni più dettagliate per l’utilizzo di MammalWeb

Contatti